La classificazione del diamante

 

L'acquisto di un diamante è una scelta importante.
Per scegliere il vostro diamante, è fondamentale comprendere quali sono

le caratteristiche che ne determinano il valore.

Non è corretto affermare che un diamante sia migliore di un altro...

tutti i diamanti sono belli, ed esiste una ragione per acquistarne uno piuttosto che un altro,

a seconda delle sue peculiarità e delle esigenze di chi lo acquista. 

Le "4C" sono le caratteristiche che descrivono il diamante:

a seconda del peso, del colore, della purezza e del taglio,

ogni diamante avrà un prezzo diverso,

ma ciò non indica che un diamante più costoso sia migliore di uno meno costoso,

sarà seplicemente.....diverso, perchè avrà caratteristiche diverse.

 

LE 4 "C" 

CARAT (il peso)

CLARITY (la purezza)

COLOR (il colore)

CUT (il taglio)

CARAT :

Il peso dei Diamanti, si misura in CARATI.
Un CARATO è uguale a 0,2 grammi, occorrono quindi 5 CARATI per formare un grammo.

Il termine CARATO deriva dal greco Keration ed indicava il seme di carruba,

il cui peso è molto omogeneo e veniva utilizzata per pure quantità molto piccole.

                                                                                                                                                                                                                                 

CLARITY:

La valutazione della PUREZZA è un'accurata osservazione a 10 ingrandimenti

di ogni caratteristica interna eventualmente presente, detta INCLUSIONE.
Il numero, la natura, le dimensioni e la posizione delle inclusioni

determinano il Grado di Purezza di un Diamante.
L'osservazione, effettuata da un Gemmologo esperto,

viene eseguita con un microscopio o con una lente "Triplet".

 

OSSERVAZIONE A 10 INGRANDIMENTI


I.F. – internally flawless (puro) 

Non vengono individuate inclusioni

VVS1 * VVS2 – very very small inclusions

Inclusioni piccolissime e difficilmente individuabili

VS1 * VS2 – very small inclusions

Inclusioni piccole non facilmente individuabili

SI1 * SI2 – small inclusions 

Inclusioni facilmente individuabili

I1 * I2 * I3 – imperfect (Piquè) 

Inclusioni visibili anche ad occhio nudo

                                                              

 

                                                                              

23.jpg24.jpg25.jpg

26.jpg27.jpg

 

COLOR:

I Diamanti esistono in differenti colori (Tono) con diverse intensità (Saturazione).
La maggior parte dei Diamanti appartiene alla gamma che va dall'incolore al Giallo.
Sono state create diverse scale dì valutazione del colore,

ma la maggiormente usata è quella del Gemological Institute of America (G.I.A.).
In questa scala si utilizzano le lettere dell'alfabeto partendo dalla lettera D (Incolore)

sino ad arrivare alla lettera Z, man mano che la saturazione aumenta.

I Diamanti nei quali l'intensità del colore è oltre la 7, vengono classificati come "Fancy Color".

L'intensità del Colore viene determinata dal gemmologo confrontando il Diamante

da analizzare con una gamma di pietre di riferimento dette "Master Stones".
In natura esistono oltre che di colore giallo, Diamanti rosa, blu, arancioni, marrone, grigio

ed anche rossi (considerati tra i più rari in assoluto).

  INCOLORE                                                    SATURO

OLTRE LA "Z" : Fancy Color

29_1.jpg30.jpg32.jpg

CUT:

Il taglio è un processo di fondamentale importanza per la resa visiva di un Diamante.

Le corrette proporzioni tra le varie parti della gemma, la perfezione della lucidatura

e della simmetria delle faccette rende possibile una perfetta interazione

tra la luceed il diamante.